Muskelaufbau-Tipps für Training und Ernährung

Aumentare la massa muscolare

Con consigli efficaci per creare maggiore massa muscolare

Spalle più larghe e braccia più grosse per gli uomini, un sedere rotondo e delle gambe sode per le donne. La definizione di una nuova muscolatura migliora la forma del nostro corpo e ci rende più attivi. Avere più muscoli fa anche bene alla salute, se non altro perché forniscono un metabolismo basale più alto e sono quindi un rimedio efficace contro l’obesità. Adesso ti starai sicuramente domandando: come crescono i muscoli? In questa pagine trovi la risposta e i consigli utili!

La crescita muscolare, detta anche ipertrofia muscolare, è una reazione di adattamento del corpo. Dopo un lavoro faticoso come l’allenamento con i pesi il muscolo si stanca, subisce danni ed infine viene riparato. Successivamente viene un poco rafforzato causando quindi una crescita.

È importante sottolineare che lo stimolo a cui è sottoposto il muscolo debba essere “sopra la soglia”. Perché quando l’attività muscolare supera un certo livello (la soglia dello stimolo), il muscolo non può più svolgere il suo lavoro senza stancarsi velocemente e senza danneggiarsi. Solo attraverso questo danno comincia la successiva “supercompensazione”, vale a dire la riparazione e il rafforzamento del tessuto.Questo significa: per stimolare un muscolo ad una crescita permanente, deve essere usato in modo continuo e tale che ci sia un incremento graduale dello stress fisico (principio del sovraccarico progressivo anche detto progressive overload).

Come funzioni esattamente l’ipertrofia muscolare non è ancora stato studiato completamente scientificamente. Tuttavia è già emerso che ci sono tre tipi di ipertrofia:

 

1) La costruzione reale: ipertrofia sarcomerica

L’allenamento con i pesi pesante e i simili stress fisici esercitano una forte trazione meccanica sul muscolo causando piccoli danni (microtraumi) ai sarcomeri. I sarcomeri sono le singole strutture proteiche contrattili all’interno delle fibre muscolari. Durante il recupero del post allenamento, il corpo sostituisce queste strutture proteiche danneggiate e aggiunge alcuni nuovi sarcomeri accanto a quelli vecchi, inspessendo la fibra muscolare.

Nel caso di un allenamento continuo, si creano sempre più sarcomeri che si uniscono e possono creare in questo modo delle miofibrille, vale a dire i singoli fili contrattili di una fibra muscolare. In questo caso si parla anche di “ipertrofia miofibrillare”. Questo tipo di ipertrofia si verifica solo a seguito di un allenamento con grandi pesi, per questo riguarda ad esempio i sollevatori di pesi. Ne consegue quindi un aumento della forza perché il numero dei sarcomeri, vale a dire gli elementi contrattili, aumenta.

2) Più pompaggio: ipertrofia sarcoplasmatica

Nel caso di questo tipo di costruzione muscolare non vengono costruite strutture proteiche ma aumenta solo la quantità di plasma semi-fluido all’interno della fibra muscolare. Inoltre è principalmente il glicogeno (forma di accumulo di glucosio) e l’acqua ad esso legata che causano l’aumento dello spessore muscolare. Questo tipo di crescita muscolare non fornisce un’ulteriore forza massimale ma una maggiore resistenza. Tuttavia questa ipertrofia non è necessariamente permanente perché le cellule possono liberarsi del glucosio e dell’acqua in pochi giorni.

Una parte della massa muscolare dei bodybuilder è basata sull’ipertrofia sarcoplasmatica, il che spiega perché la loro forza nella maggior parte dei casi non corrisponda alle loro enormi montagne di muscoli. Anche se i migliori bodybuilder hanno maggiore massa muscolare rispetto ai sollevatori di peso o ai powerlifter, hanno una potenza nettamente inferiore.

La ragione è il diverso allenamento: i bodybuilder praticano poche, se non nessuna, unita di forza massimale e si concentrano invece su serie più lunghe di peso corrispondentemente minore: solitamente vengono eseguite da 8 a 15 ripetizioni (vedi sotto). Attraverso questo tipo di allenamento le riserve di glicogeno nel muscolo si esaurisco quasi completamente. Durante la fase di rigenerazione vengono di nuovo reintegrate e un poco ingrandite.

 

 3) Il joker: attivazione delle cellule satelliti

Gli esseri umani non possono costruire nuove fibre e cellule muscolari (questo processo è chiamato iperplasia). Tuttavia è possibile attivare e sviluppare completamente le cellule muscolari sottosviluppate attraverso l’allenamento. Siccome le cellule staminali muscolari sono ai margini del muscolo, vengono denominate “cellule satelliti”. Quante più cellule muscolari sono attive tanto più il muscolo si ingrandisce.

Allenamento ipertrofico

Un allenamento ipertrofico classico nella gamma tra le 8 e le 15 ripetizioni fino ad ottenere il cedimento muscolare innesca sia l’ipertrofia sarcomerica che sarcoplasmatica: il muscolo si espande immagazzinando più sostanze nutritive e acqua. L’assunzione di creatina può rafforzare questo processo.* Inoltre si formano nuove strutture proteiche contrattili in modo che nel tempo aumenti la potenza. Questo succede però se mangi abbastanza proteine e calorie.

L’allenamento fino al cedimento muscolare ha dimostrato di essere il fattore più importante nella costruzione del muscolo. Questo significa che ti puoi allenare anche con pesi relativamente leggeri che esauriscono i tuoi muscoli completamente dopo 20-30 ripetizioni. Secondo recenti studi, tale allenamento prevede la stessa crescita muscolare che avviene con un allenamento con i pesi più pesante con 8-15 ripetizioni. L’aumento di potenza però è più basso quando scegli i pesi leggeri.

Nota!

Se ti alleni con un intervallo di 8-15 ripetizioni e fino al cedimento muscolare nell’ultima serie, imposti degli stimoli di crescita affidabili a lungo termine e sviluppi più potenza.

 

Il dolore è un prerequisito per la crescita muscolare?

No, il dolore non è un prerequisito per la crescita muscolare. In realtà si presume che i processi di rigenerazione si occupino delle piccole lacerazioni nei muscoli e non dell’acidità a causa del lattato nei muscoli indolenziti. Certo queste lacerazioni influenzano le linee Z tra i singoli sarcomeri, mentre i danni mirati al muscolo che portano alla crescita muscolare colpiscono gli elementi contrattili all’interno del sarcomero (vedi grafico). L’allenamento dovrebbe quindi danneggiare il muscolo ma non necessariamente provocare dolore muscolare.

Ciononostante la possibilità che un allenamento per aumentare la massa muscolare provochi un indolenzimento nei muscoli è relativamente alta. Questo dipende dal fatto che i movimenti sotto un carico pesante sono relativamente lenti e portano al cedimento muscolare. Probabilmente non capita solo una volta di avere i muscoli indolenziti; soprattutto quando si effettua un esercizio con i pesi particolarmente lento (contrazione eccentrica) o come nel caso delle butterfly in un’espansione. Ma si tratta anche di vedere se sei incline ai dolori muscolari per natura.

L’indolenzimento muscolare non si oppone alla crescita muscolare. Tuttavia non bisogna allenarsi quando i muscoli fanno particolarmente male. Chi ha un dolore muscolare regolare, deve quindi fare delle pause più lunghe di volta in volta, come in caso di supercompensazione durante una definizione muscolare. Gli stimoli alla crescita non sono quindi impostati nella frequenza ottimale e il progresso rallenta. Il lato buono del dolore muscolare è in effetti la conferma che il muscolo sia stato davvero messo alla prova, il che corrisponde all’obiettivo dell’allenamento.

In internet ti sei certamente imbattuto in pubblicità per programmi di allenamento che ti lasciano pensare che potresti accumulare chili di muscoli in poche settimane. Tali promesse sono solitamente supportate da alcune immagini del momento prima della costruzione muscolare e del dopo, cercando di dimostrare un’evidente trasformazione. Purtroppo questi programmi sono completamente irrealistici e quindi altamente discutibili.

In realtà la durata è significativamente più lunga: anche una definizione muscolare più veloce avviene con difficoltà. Per le persone che hanno appena cominciato l’allenamento con i pesi, i primi 4-6 mesi non sono da prendere in considerazione in termini di crescita muscolare, perché il corpo prima aggiusta il sistema nervoso attraverso il quale può fare un uso migliore della massa muscolare. La potenza certamente aumenta ma i muscoli non ancora.

 

Quanto tempo ci vuole per poter vedere qualche risultato?

Solo quando il corpo non è più in grado di far fronte alle richieste imposte dall’allenamento con i pesi attraverso gli adattamenti nervosi, comincia allora ad aumentare la massa muscolare. Questo richiede comunque del tempo per poter vedere qualche cosa. Bisogna considerare almeno tra i 3 e i 6 mesi prima di poter raggiungere una nuova muscolatura.

Va invece più velocemente per coloro che fanno tutto correttamente in termini di allenamento e nutrizione e che iniziano da un livello anche basso di esercitazione. In questo caso un giovane molto inesperto può costruire, in casi ottimali, nel primo anno di allenamento circa un chilo di muscoli al mese, il che equivale a 12 chilo all’anno. Nel secondo anno di allenamento ancora 6 chili, nel terzo tre e così via.

Nella maggior parte dei casi i successi potrebbero rivelarsi molto più modesti. Chi comincia l’allenamento con i pesi tra i 25 e i 30 anni e dopo un anno di allenamento ha messo 5 chili di muscoli, ha raggiunto già un risultato molto buono. Per le donne un plus di 2 o 3 chili dopo un anno è un valore altrettanto buono.

Scopri di più sulla crescita muscolare nelle donne

Nota!

Nelle migliori circostanze nel giro di due o tre anni puoi far crescere la maggior parte della massa muscolare che sei in grado di costruire. Per sfruttare appieno il potenziale di costruzione muscolare ci vogliono almeno tra i cinque e i dieci anni di allenamento continuo.

Fattori di successo per lo sviluppo muscolare

Chi vuole avere successo nella costruzione muscolare, deve lavorare su tre campi i cui punti più importanti vengono chiariti di seguito. Poi parleremo anche delle differenze individuali degli sportivi.

 

Il programma di allenamento ideale per aumentare la massa muscolare

Il fattore più importante riguardo alla crescita muscolare è l’allenamento stesso. Chi non si allena regolarmente non costruisce nessuna muscolatura nuova. Per questo abbiamo risposto qui in breve alle domande più frequenti sull’allenamento per la definizione muscolare.

 

Quanto spesso dovrei allenarmi?

Ogni muscolo dovrebbe essere allenato almeno un paio di volte a settimana. Nel caso di un programma che coinvolga tutto il corpo ci si dovrebbe allenare in modo ottimale tre volte a settimana. I programmi separati dovrebbero, nel migliore dei casi, suddividere i gruppi muscolari da allenare in soli due diversi allenamenti, in modo tale che ogni allenamento venga svolto due volte a settimana (per un totale di quattro giorni di allenamento).

Con quali pesi mi dovrei allenare?

I pesi di allenamento dovrebbero essere il 60-80% del peso che riesci a muovere, il che ti permette di avere una ripetizione pulita (one-repetition maximum/1RM). Se riesci ad esempio a premere 100 kg nella leg press, si metteranno allora dai 60 agli 80 chili. Di norma è possibile eseguire da 8 a 15 ripetizioni con pesi di questo tipo. Una ripetizione dovrebbe durare circa quattro secondi.

 

Quante serie dovrei fare per ogni esercizio?

Normalmente si fanno dalle tre alle cinque serie per ogni esercizio per poi passare al livello successivo con altri esercizi invece di aggiungere ancora una serie all’esercizio corrente. Tuttavia, a seconda del sistema di allenamento, ci sono diverse varianti per contare le serie, da una (High Intensity Training/HIT) fino a dieci serie (German Volume Training). Con tali concetti così distanti dal mainstream si dovrebbe tuttavia prima esaminarli bene prima di applicarli, perché ci sono molte cose da tenere presente e la maggior parte non sono adatti ai principianti.

 

Come dovrei eseguire i movimenti?

I movimenti dovrebbero essere eseguiti in modo continuo, regolare e controllato. Il tempo può essere tra il lento e il veloce, ma non dovrebbe essere così veloce da terminare la serie in 30 secondi. Nella migliore esecuzione una serie dura tra i 40 e i 50 secondi.

 

Quanto spesso dovrei allenarmi?

L’ultima serie dovrebbe essere eseguita fino all’affaticamento muscolare, vale a dire fino a quando non è più possibile alcuna ripetizione corretta. Anche le altre serie dovrebbero terminare un poco prima, quando ancora è possibile fare una o due ripetizioni. Alla fine di una serie i professionisti avanzati devono anche usare le cosiddette “tecniche di intensità” come le ripetizioni brucianti o le ripetizioni con l’aiuto di un partner per impostare un nuovo stimolo di crescita.

 

Quanto devo riposare tra una serie e l’altra?

Le pause tra le serie dovrebbero durare da uno a cinque minuti a seconda della condizione personale e della gravità dell’esercizio.

 

Quanto mi devo allenare al giorno?

L’allenamento con i pesi stesso non dovrebbe durare più di 45-60 minuti.

 

Cosa è più efficace: l’allenamento sulle macchine, a peso libero o i pesi?

L’allenamento coi pesi liberi è il più efficace in termini di crescita muscolare, perché tocca davvero qualsiasi muscolo, perché il busto deve essere stabilizzato in modo indipendente e perché il carico può essere aumentato in piccoli ma comunque ben dosati passi. Tuttavia per lo sviluppo della tensione corporea e della coordinazione, il body-weight-training è il più efficace. L’allenamento sulle macchine è particolarmente adatto per i principianti, i convalescenti e gli anziani o come complemento ad altri metodi.

Devo andare in palestra o è possibile fare l’allenamento per la crescita muscolare a casa?

I muscoli crescono quando sono stati posti sotto stress per un determinato tempo e si sono pertanto affaticati. Non importa se questa stanchezza sia stata causata durante un allenamento con gli attrezzi o senza, in palestra o a casa. Il vantaggio degli attrezzi o di una palestra ben accessoriata è che si può facilmente trovare il modo di allenare ogni singolo muscolo fino a quando raggiunge il cedimento. Allenandosi a casa o senza attrezzi di solito è più difficile allenare tutto il corpo in modo efficace.

 

Quali esercizi dovrei scegliere?

Per una crescita muscolare dovrebbero sempre venire prima gli esercizi di base anche detti “esercizi di isolamento” come ad esempio i curl per i bicipiti (flessioni dell’avambraccio):

  • piegamenti: cosce, glutei, parte inferiore della schiena
  • stacchi da terra: cosce, glutei, parte inferiore e superiore della schiena
  • panca piana/flessioni: petto, tricipiti, parte frontale spalle
  • sollevamento sulle braccia: schiena parte superiore, bicipiti
  • varianti del rematore: parte superiore schiena, bicipiti, parte posteriore spalle

 

Cosa è meglio: schede di allenamento full body o allenamento split?

L’allenamento a corpo completo o uno split di 2 giorni (parte superiore e inferiore del corpo, push-pull, ecc.) sono di solito meglio di split da 3,4 o 5 giorni perché in questi casi i muscoli non riescono ad allenarsi abbastanza per ottenere una crescita ottimale.

 

Quanto spesso dovrei aumentare i pesi?

I pesi dovrebbero sempre essere aumentati, quando si arriva al massimo delle ripetizioni. Se si riesce a fare ad esempio 15 ripetizioni con un peso, si dovrebbe allora aumentare il peso fino a quando riesci a fare solo 8-10 ripetizioni. Se anche in questo caso riesci a fare 15 ripetizioni, aumenti allora ancora un po’ e via di seguito.

I muscoli non si costruiscono durante l’allenamento con i pesi, ma dopo. Vale a dire: chi si allena correttamente strema i muscoli. Durante l’allenamento stesso quindi non si crea nessun tessuto nuovo, ma al contrario vengono sfruttate prima le strutture proteiche. Solo dopo l’allenamento avviene attivamente la crescita muscolare: il corpo ricostruisce le strutture danneggiate e ne crea quindi delle nuove, a patto che tu dia loro abbastanza tempo per farlo e non ti alleni di nuovo troppo presto (vedi supercompensazione).

 

Nel caso di un allenamento ottimale, che tiene conto del principio del “progressive overload”, un muscolo viene sempre stimolato esattamente quando la supercompensazione, vale a dire la crescita muscolare a seguito dell’ultima sessione di allenamento, ha raggiunto il suo apice.

Questo vale per chiunque cerchi la crescita muscolare: senza un tempo sufficiente di rigenerazione tra le sessioni di allenamento, il corpo non può eseguire la supercompensazione perché arriva troppo presto ad un nuovo danno del tessuto. La conseguenza: la costruzione del muscolo avviene inutilmente lenta, si ferma o, nel peggiore dei casi, si trasforma in una perdita di massa muscolare sistematica. Ovviamente non bisogna “recuperare” troppo a lungo, perché la troppa inattività fa anche perdere la massa muscolare.

In pratica, non è possibile dire esattamente quando la supercompensazione ha raggiunto il suo picco e quando è arrivato il momento per il prossimo allenamento. Per cui ci si deve orientare a seconda di alcune regole generali per quanto riguarda i tempi di rigenerazione.

 

Regole generali per i tempi di rigenerazione

  • Prenditi sempre almeno un’intera giornata prima di riallenare lo stesso gruppo muscolare (“regola delle 48 ore”). Se ti alleni per giorni consecutivi, conta su un programma split.
  • Più duro è l’allenamento e più lunga è la pausa.
  • I muscoli grandi si rigenerano più lentamente di quelli piccoli.
  • Se dovessi ridurre i pesi anche se sei in forma e ti sei esercitato regolarmente e non hai fatto nulla di sbagliato, probabilmente è perché le pause sono troppo brevi.
  • Fino a quando hai mal di muscoli, non dovresti allenarli in modo inteso.
  • Se hai poca energia a lungo termine e/o non hai voglia di allenarti, estendi le pause.
  • Assolutamente decisivo per una corretta rigenerazione è soprattutto un sonno sufficiente. Otto ore dovrebbero bastare al tuo corpo per recuperare da zero durante la notte e per rimetterti in forma per l’allenamento del giorno successivo.

Cosa mangiare per aumentare la massa muscolare?

Il giusto allenamento con i pesi e la sufficiente rigenerazione non bastano da soli per una crescita muscolare di successo; ti devi nutrire anche in modo mirato, così da poter ricevere l’energia necessaria per l’allenamento con i pesi e per dare al tuo corpo le sostanze nutritive di cui ha bisogno per far aumentare la massa muscolare. Qui in breve i punti più importanti a cui bisogna fare attenzione per una nutrizione mirata alla crescita muscolare:

  1. produrre un surplus calorico (da 300 a 500 calorie in più)
  2. consumare molti carboidrati
  3. consumare molte proteine
  4. consumare grassi moderatamente
  5. mangiare molta verdura (verde)
  6. bere molta acqua
  7. attivare l’erogazione di insulina dopo l’allenamento
  8. prevenire la fasi cataboliche con caseina e pasti frequenti
  9. evitare l’alcol
  10. utilizzare integratori se necessario (polvere proteiche, creatina, mass gainer, ecc.)
  11. contare sugli alimenti che aiutano la crescita muscolare

Scopri tutto sull’alimentazione efficace per aumentare la massa muscolare!

Ricette per aumentare la massa muscolare

Integratori - aiuto efficace per la definizione muscolare

L’utilizzo di integratori alimentare nel settore del fitness è a buon ragione standard perché gli alimenti naturali coprono solo parzialmente le esigenze specifiche degli atleti di forza. Inoltre è spesso semplicemente più veloce, più comodo o conveniente affidarsi ad integratori funzionali per la crescita muscolare. Ecco una lista dei cinque integratori muscolari più utili:

  1. Polvere proteica
  2. Barretta proteica
  3. Creatina
  4. BCAA
  5. Weight-Gainer

Fattori di successo individuali

Ancora un paio di parole sui fattori individuali di successo. Perché non tutti possono raggiungere la stessa massa muscolare. Quanto velocemente e quanta massa muscolare si riesca a costruire, dipende dai seguenti fattori.

 

Età

Nessuno può costruire i muscoli così velocemente come i giovani uomini di età compresa tra i 15 e i 25 anni, perché la produzione di testosterone è maggiore. Anche le donne giovani riescono meglio di quelle più grandi, perché con l’età ci vuole più tempo per riprendersi dall’allenamento. A quale età bisognerebbe cominciare con l’allenamento con i pesi intensivoè molto personale e dipende dal rispettivo grado di maturità; lo sviluppo dovrebbe essere comunque finito. Molti atleti di forza e bodybuilder hanno cominciato l’allenamento in giovane età.

Un allenamento moderato che si focalizzi soprattutto su un tecnica corretta e che soprattutto tenga conto anche del proprio peso corporeo può essere fatto anche dai bambini come ad esempio in un club di ginnastica. Oltre a questo non ci sono limiti: si può e si dovrebbe fare allenamento per tutta la vita per frenare la perdita naturale muscolare, per mantenere le ossa forti, per alleviare le articolazioni e in generale per rimanere mobili.

 

Il sistema endocrino

Strettamente legato all’età è il sistema endocrino. Il testosterone svolge un ruolo chiave nella crescita muscolare, ragion per cui gli uomini costruiscono i muscoli più velocemente e in quantità maggiore delle donne. Il livello di testosterone non è regolato solo con l’età, ma anche dalla quantità di sonno, stress, allenamento con i pesi regolare e altri fattori che lo influenzano. Oltre al testosterone  ci sono altri ormoni che hanno un effetto benefico sulla crescita muscolare, come ad esempio l’insulina e gli ormoni della crescita.

 

Geni

Ogni corpo è fatto a modo suo in modo eccezionale e per questo alcune persone hanno una migliore capacità di costruire i muscoli rispetto ad altre. Ad esempio alcune persone hanno più fibre muscolari di altre. Poiché non possiamo costruire fibre nuove (iperplasia) nel corso della costruzione muscolare, possiamo invece addensare le fibre già esistenti dalla nascita (ipertrofia), il che limita la quantità di fibre muscolari personali che possono diventare massa muscolare.

Inoltre ogni persona ha una diversa distribuzione di fibre muscolari bianche e rosse. Tendenzialmente vale quanto segue: quante più fibre bianche e a contrazione rapida una persona ha, tanto più riesce ad aumentare massa muscolare (“gli sprinter”). Chi invece ha una quantità di fibre rosse maggiore, è più un “maratoneta” e avrà difficilmente a che fare con una crescita muscolare.

Anche qui comunque si nota come l’età abbia un’influenza positiva sulla crescita muscolare: con l’età aumenta la quantità di fibre rosse che corrisponde al potenziale di decrescita muscolare. Purtroppo un allenamento può cambiare le fibre bianche in rosse e non viceversa.

 

Genere

Come accennato in precedenza, gli uomini producono più testosterone (che costruisce i muscoli) delle donne. Ne consegue che possono costruire muscoli più velocemente e con più forza. Nelle donne la costruzione muscolare diventa più forte attraverso altri ormoni (l’ormone della crescita, l’insulina e i fattori della crescita simili all’insulina). Le donne hanno anche meno fibre muscolari e più sottili. Queste differenze genetiche si riflettono nella diversa forza e massa muscolare della parte superiore del corpo.

 

Livello iniziale/Età d’allenamento

Il corpo non può aumentare massa muscolare illimitata. Più alto è il livello iniziale, meno massa muscolare può essere formata fino al raggiungimento del livello genetico. Inoltre vale dire anche che maggiore è l’età di allenamento e più lento è l’accumulo della massa muscolare (vedi grafico).

 

Memoria muscolare/ricostruzione

Gli esseri umani hanno una memoria muscolare particolarmente buona. Questo significa: se la massa muscolare dovesse andar persa, può essere recuperata relativamente rapidamente. Aumentare massa muscolare che non hai mai posseduto richiede molto più tempo.

 

Anabolizzanti

Se gli anabolizzanti non fossero efficaci, non sarebbero considerati “sostanze che migliorano le prestazioni” nella lista del doping. Il fatto è che c’è una grande quantità di aiuti chimici per accelerare la crescita muscolare e che assicurano che la massa muscolare raggiungibile superi ampiamente il livello naturale.

Pertanto una buona dose di scetticismo è sempre appropriata quando si tratta di allenamento con i pesi e bodybuilding. In nessuna circostanza si dovrebbe prendere come riferimento il progresso delle persone che potrebbero non essere “naturali”, considerando il loro corpo snello ma estremamente muscoloso, come si dice nell’ambiente.

Se le persone non riescono a fare crescere i muscoli, dipende da loro.  Nonostante le differenze genetiche, ogni essere umano può costruire muscoli e sviluppare un corpo che può essere descritto “muscoloso”. Questo vale anche per i cosiddetti “hardgainer”. Ma come devi prepararti se vuoi eseguire un allenamento funzionale alla crescita muscolare?

 

Determinazione

La crescita muscolare è un processo noioso, complesso e qualche volta doloroso, il che non lo rende “divertente” nel senso classico. Se appartieni a quel tipo di persone a cui piace giocare facendo sport, magari in gruppo o nei club, probabilmente avrai difficoltà a fare regolarmente un allenamento con i pesi sistematico e per un lungo periodo di tempo. Ovvio, gli esercizi e i programmi di allenamento cambiano sempre, ma non ci sono sorprese, drammi, vittorie, spirito di squadra in un allenamento per la costruzione muscolare.

Le persone che hanno successo nel bodybuilding o nel fitness trovano le motivazioni in sé stessi la maggior parte delle volte e accettano che i progressi siano solo molto lenti. Inoltre apprezzano il fatto che la vita quotidiana sia fortemente strutturata, elemento importante dell’allenamento con i pesi, e non lo sentono come una limitazione.

 

Impassibilità al dolore

Anche l’allenamento con i pesi leggero, vale a dire che non viene eseguito fino al cedimento dei muscoli, aiuta nella crescita e nel rafforzamento muscolare. Tuttavia, in termini di efficacia, non può essere comparabile con l’approccio della maggior parte dei bodybuilder e degli atleti di fitness: vale a dire l’allenamento fino al cedimento muscolare e quindi fino alla stanchezza momentanea dei muscoli.

In un allenamento di questo tipo, il glicogeno nelle cellule muscolari viene trasformato in energia senza l’uso di ossigeno, un processo in cui si accumula l’acido lattico (lattato). Se si vuole stimolare il muscolo alla crescita in modo ottimale, si dovrebbe puntare ad un notevole bruciore dei muscoli e a un tremito durante le ripetizione dell’ultima serie. Un allenamento muscolare fa male e in questo senso ci si tormenta. Spesso vieni ricompensato con un muscolo dolorante che dura anche nei giorni successivi.

 

Concentrazione

Chi fa atletica pesante sa che ci sono diverse qualità di “sensazione muscolare”. Quando si verifica una buona sensazione muscolare durante un esercizio, si avvertono i muscoli in modo significativo, il che garantisce che l’esercizio abbia un effetto e che inneschi uno stimolo alla crescita.

Soprattutto i principianti spesso non sanno quali muscoli devono esercitare esattamente o non sanno concentrarsi specificamente su un muscolo affinché possa essere lavorato correttamente. La conseguenza: eseguono un esercizio in qualche modo senza impostare uno stimolo efficace alla crescita dei muscoli che dovrebbero essere allenati. Spesso è a causa dei pesi troppo elevati: per compensare la mancanza di potenza si lavora di slancio o con altri muscoli. I risultai non si vedono.

Per avere una buona sensazione muscolare durante ogni allenamento non bisogna solo conoscere l’anatomia ed avere una buona consapevolezza del proprio corpo e della sua coordinazione, ci si deve concentrare soprattutto sull’allenamento. Coloro che vogliono ottenere i migliori risultati, devono lasciare il resto della loro vita fuori dalla porta della palestra per tutta la durata dell’allenamento.

 

Organizzazione

Se vuoi ottenere una crescita muscolare efficace, devi fare molto lavoro affinché l’obiettivo influenzi fortemente la vita di tutti i giorni. Chi non è milionario e non ha un un allenatore personale, un cuoco, un domestico, se non addirittura un autista, si deve prendere cura allora di diverse faccende:

pianificare l’allenamento, conservare le attrezzature, fare la spesa, organizzare i pasti, cronometrare, cucinare per portare il cibo con sé, permettere una rigenerazione attiva, ecc. Presto tutto apparirà chiaro: l’allenamento in sé è l’impegno minimo nel processo di crescita muscolare. Senza un talento organizzativo tutto si ferma rapidamente.

Muskelaufbau-Tipps: Training durch Sport

Alternative al classico allenamento con i pesi

Se ti rendi conto che non sei il tipo per una allenamento per la costrizione muscolare a lungo termine, in relazione a quanto descritto in questa pagina, non devi comunque rinunciare ad un corpo muscoloso. Ci sono molte alternative sportive che magari non sono proprio così concentrate sull’obiettivo della crescita muscolare ma che comportano probabilmente una maggiore muscolatura.

Ad esempio puoi cominciare con il crossfit training. Si fa in gruppi e il programma di allenamento ti viene tolto così che tu possa concentrarti sui movimenti. Oppure puoi cominciare con un tipo di sport come la ginnastica, il pugilato, la lotta, il judo, il canottaggio o l’arrampicata dove l’allenamento con i pesi è parte dell’allenamento generale o dove l’allenamento con i pesi è lo sport stesso.

In conclusione qui ancora una volta sette consigli con i quali puoi costruire correttamente i muscoli:

  1. sovraccarica il muscolo!
  2. fai attenzione ad una sufficiente rigenerazione!
  3. allenati regolarmente!
  4. abbi pazienza!
  5. allenati con un programma!
  6. fai attenzione alla tua alimentazione!
  7. allenati per tutta la vita!

Ora sai come puoi far crescere i muscoli e che nulla ti verrà regalato. Ma qui risiede tutto il fascino della cosa: sei riuscito a non mollare e a trovare il metodo adatto a te? Se la riposta è sì, alla fine ti ritroverai nel corpo muscoloso che hai sempre desiderato. Di questo puoi certamente esserne orgoglioso, perché hai raggiunto qualcosa che solo pochi riescono ad ottenere e che nessuno può toglierti così velocemente!