Servizio & FAQ Search IconSpedizione gratuita a partire da 49,00 € Search IconAssicurati il 15 % di sconto
22 % di sconto e Black Deals?

Iscriviti alla newsletter e non perderti nulla

X
SEI NUOVO?

Ottieni il 20% di sconto* su tutti i prodotti con il codice: SPRING22IT

-25% con il codice NU3IT25*

In più: -15% su molti best-sellers

X

L'impronta ecologica del cibo

L'impronta ecologica del cibo

Come mangiare nel rispetto del clima

Contenuto

    ...content shows up after page is published.

Il cibo genera emissioni significative di CO2 attraverso la sua produzione, distribuzione e smaltimento. Scopri qui qual è l'impronta di carbonio del cibo, perché il consumo frequente di carne causa molta CO2, qual è l'impronta di carbonio di altri alimenti e, naturalmente, come puoi ridurre la tua impronta di carbonio.

L'impronta di carbonio, conosciuta anche come bilancio di CO2 o bilancio di gas serra, indica quante emissioni di anidride carbonica sono causate direttamente e indirettamente da un'attività o sono generate durante le fasi di vita di un prodotto. Si può guardare quanto è grande l'impronta di carbonio delle persone, delle organizzazioni, dei paesi o del cibo - per citare solo alcuni esempi. Oltre all'anidride carbonica (CO2), altri gas serra come il metano o il monossido di azoto sono spesso inclusi nell'impronta di carbonio convertendoli in CO2 equivalenti (CO2-eq in breve).[1]

La stessa CO2 entra nell'atmosfera terrestre principalmente attraverso la combustione di combustibili fossili come il carbone, il petrolio e il gas naturale, contribuendo così al riscaldamento dell'atmosfera terrestre. Questo a sua volta si riflette in cambiamenti climatici indesiderati, "cambiamenti climatici", e le loro conseguenze, come l'aumento del livello del mare, la desertificazione o le inondazioni.[2]

In italia vi è una progressiva e altanelante diminuzione delle emissioni in quanto l`instituto INSPRA ha registrato un andamento complessivo decrescente (-2,5 %) delle emissioni. In media, un cittadino dell'UE causa emissioni di 8,8 tonnellate di CO2-eq, mentre ogni italiano è responsabile di emissioni di 7,1 in media (dati dell'INSPRA per il 2017).[4] In totale, l'Italia ha causato emissioni di CO2-eq per ben 430 milioni di tonnellate nel 2017. L'Italia si posiziona mediamente tra le nazioni più inquinanti dell'Unione Europea, posizionandosi quarta nel 2019 alle spalle di Germania, Regno Unito e Francia. 

Quale è la composizione delle emissioni in Italia di CO2?

Tra le attività produttive che maggiormente contribuiscono alle emissioni di inquinanti figurano, nel 2017:[5]

  • 27% dell'industria manifatturiera,
  • 47% era attribuibile al settore agricoltura, silvicoltura e pesca,
  • 30% al settore fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata e
  • 36% all'attività di trasporti e magazzinaggio.

Per i prodotti, cioè anche per gli alimenti, un memorandum scritto dal Ministero federale per l'ambiente, la conservazione della natura e la sicurezza nucleare (BMU), nonché dall'Agenzia federale per l'ambiente e dall'Öko-Institut ha stabilito la seguente definizione per l'impronta ecologica.[7]

L'impronta di carbonio del prodotto ("CO2 footprint") si riferisce al bilancio delle emissioni di gas serra lungo l'intero ciclo di vita di un prodotto in un'applicazione definita e in relazione a un'unità d'uso definita.[8] L'impronta di carbonio di un prodotto è la somma delle emissioni di gas serra derivanti dal suo utilizzo in un'applicazione definita e in relazione a un'unità d'uso definita.

Continua a dire:

Il ciclo di vita di un prodotto comprende l'intera catena del valore: dalla fabbricazione e dal trasporto delle materie prime e dei prodotti intermedi, attraverso la produzione e la distribuzione, fino all'uso, al dopo uso e allo smaltimento. Il termine prodotto è un termine ombrello per beni e servizi.[9]

L'impronta di carbonio di un alimento dovrebbe quindi sommare tutta la CO2 associata a quell'alimento. Ciò significa che l'impronta di CO2 è significativamente aumentata dall'agricoltura intensiva, dalle lunghe vie di trasporto, dal lungo stoccaggio (con raffreddamento o riscaldamento) e dall'ulteriore lavorazione ad alta intensità energetica.

Il riscaldamento globale

Tutti noi affrontiamo la sfida di ridurre massicciamente la nostra impronta di carbonio. I politici si sono accordati sul cosiddetto "obiettivo dei 2 gradi". In base a ciò, la temperatura media globale dovrebbe aumentare solo di un massimo di due gradi rispetto al tempo prima dell'industrializzazione.[10] Per raggiungere questo obiettivo, le emissioni di CO2 nei paesi industrializzati devono diminuire dell'80-95% entro il 2050 (rispetto ai livelli del 1990). Nel 2020, le emissioni in Italia erano diminuite solo del 9,8% circa.[11]

Un'altra cifra illustra ancora meglio quanto sarà difficile per noi ridurre la nostra impronta di carbonio quanto necessario: 2 tonnellate di CO2. Questa è la dimensione dell'impronta di CO2 che ogni cittadino della Terra potrà lasciare dopo il 2050.[12] Questo è meno di un quinto della nostra impronta attuale. Dato che sono soprattutto gli abitanti dei paesi industrializzati a lasciare grandi impronte di CO2, sarà particolarmente difficile per loro raggiungere questo valore obiettivo, perché dovranno cambiare molto nella loro vita quotidiana per farlo.

Un campo in cui tali cambiamenti sono necessari è la nutrizione. Come si può vedere dalla lista qui sopra, anche la nutrizione contribuisce alla nostra impronta di CO2 con una quota superiore al 10%. Secondo i dati di Greenpeace, le emissioni di CO2 legate alla dieta si ripartiscono come segue:[13]

  • 30,0% di carne
  • 29,1% di prodotti lattiero-caseari
  • 28,2% di cereali
  • 10,6% di bevande
  • 2,6% di altro
  • 0,5% di uova[14]

1. Considerare l'impronta di carbonio della carne e dei prodotti caseari

L'elenco nell'ultimo capitolo mostra da solo dove si trova il maggior potenziale di risparmio in termini di CO2 legato alla dieta: Nella carne e nei prodotti lattiero-caseari. "Le diete a base vegetale causano molto meno gas nocivi per il clima rispetto alla carne [...], al burro e ai prodotti lattiero-caseari", afferma anche il BMU.[15] Soprattutto l'agnello e il manzo, così come il burro, si distinguono come inquinatori del clima, mentre il maiale e il pollame se la cavano relativamente bene, come mostra la nostra tabella:

Cibo (1 kg, prodotto in modo convenzionale) kg CO2-eq

Agnello[16]

39

Burro

23,8

Manzo

13,3

Formaggio

8,5

Panna da cucina

7,6

Carne di pollame

3,5

Maiale

3,3

Latte

0,9

Banco alimentare

2. Preferire il cibo fresco delle piante

In contrasto con gli alimenti animali, gli alimenti a base vegetale hanno solo un impatto minore sul bilancio di CO2: un chilo di pomodori causa solo 340 g di CO2-eq, un chilo di patate anche solo 200 g. Il pane misto arriva a 770 g, la pasta viene un po' peggio con 940 g.[17]

Quando un alimento a base vegetale viene ulteriormente elaborato, la sua impronta di carbonio si deteriora improvvisamente. Le patate secche, per esempio, producono 3,8 kg di CO2-eq / kg, che è peggio della carne di pollo. La conservazione delle verdure fresche tramite l'inscatolamento peggiora l'impronta di CO2 di tre volte, da 150 g a 500 g CO2-eq / kg - anche se questo è ancora un valore molto buono. La situazione è simile con il congelamento: se è coinvolto, 1 kg di verdure causa 415 g CO2-eq.

3. Scegliere prodotti regionali

Poiché viviamo in un mondo globalizzato con una varietà incommensurabile di prodotti, è difficile trovare valori di CO2 affidabili e universalmente validi anche per gruppi di alimenti apparentemente uniformi come le mele o il burro. Se il burro viene dall'Irlanda, per esempio, è stato trasportato più lontano che se viene dall'Emilia-Romagna, e la sua impronta di CO2 peggiora naturalmente.

L'esempio delle mele mostra quanto sia difficile identificare gli alimenti rispettosi del clima. Sono originari della nostra regione e vengono raccolti in autunno. Quando arrivano direttamente dalle piantagioni regionali ai supermercati o ai mercati settimanali, la loro impronta di carbonio è grande. Ma non rimane così: le mele che non vengono vendute direttamente dopo la raccolta vengono conservate in celle frigorifere fino a nuovo ordine e a volte vi rimangono per molti mesi. In questo modo, l'equilibrio climatico delle mele domestiche si deteriora continuamente dopo il periodo del raccolto fino a quando, da aprile circa in poi, è più conveniente importare mele dall'Argentina.[18]

Quindi, anche se bisogna scoprire separatamente per ogni alimento se è più rispettoso del clima come versione regionale rispetto a un prodotto concorrente proveniente dall'estero, si può dire che il cibo coltivato regionalmente tende a essere legato a minori emissioni di CO2 - soprattutto se è fresco.

I frutti della terra

4. Produrre "bio" in modo realistico

Secondo le cifre del BMU, gli alimenti ecologici, cioè "biologici", senza eccezione, hanno una migliore impronta di carbonio.[19] Ciò non corrisponde alla valutazione di altri esperti, secondo i quali la carne biologica in particolare tende ad avere un'impronta di carbonio ancora peggiore della carne proveniente da allevamenti convenzionali.[20] Le cifre del BMU mostrano che gli alimenti biologici hanno una migliore impronta di carbonio della carne proveniente da allevamenti convenzionali.

La logica di questa tesi ha senso: Dato che gli animali allevati in modo biologico vivono più a lungo, in primo luogo emettono più gas, e in secondo luogo consumano più risorse come il mangime o l'elettricità. Nel caso della carne di manzo, c'è anche il fatto che la carne biologica di solito non proviene da ex mucche da latte, ma da animali maschi che sono allevati specificamente per la produzione di carne. La CO2 loro assegnata non è quindi distribuita tra diversi prodotti, latte e carne, a differenza del caso delle vacche da latte macellate, ma è attribuita solo alla carne. Comprare biologico è ancora raccomandato, ma non è necessariamente meglio per il clima.

5. Shopping rispettoso del clima

Coloro che si sforzano di avere una dieta rispettosa del clima devono prestare attenzione non solo a ciò che mangiano, ma anche a ciò che non mangiano. Perché qualsiasi cibo che finisce nella spazzatura invece che nello stomaco ha inquinato inutilmente il clima. Molto cibo viene buttato via: si stima che in Italia venga sprecato, ogni anno, 67 kg di alimenti per abitante, per un totale di oltre 4 milioni di tonnellate di spreco. A livello mondiale, invece, ogni anno, viene sprecato 1 milione di tonnellate di alimenti, circa 121 kg di cibo a persona.[21] Inoltre, lo stesso smaltimento dei rifiuti è responsabile della produzione di gas serra dannosi per il clima; dopo tutto, i rifiuti devono essere raccolti, trasportati, separati e trattati. Oppure viene incenerito.[22]

A proposito, fare acquisti ecologici significa anche affrontare con prudenza il viaggio della spesa e lo stoccaggio dei prodotti. Se vai spesso al supermercato o usi la tua auto per piccoli acquisti, stai già causando notevoli emissioni di CO2. Un'auto nuova di zecca emette ben 110 g di CO2 per chilometro, e anche di più per i modelli più vecchi.[23] Fare la spesa a piedi o in bicicletta, d'altra parte, è neutrale per il clima - se non si tiene conto delle impronte di CO2 lasciate da scarpe e biciclette.

D'altra parte, è ovviamente sconsigliato comprare enormi quantità di cibo in anticipo e conservarlo a lungo in frigoriferi e congelatori extra in cantina o in garage, perché questo aumenta inutilmente il consumo di energia. È importante trovare il giusto equilibrio tra comprare all'ingrosso e consumare in modo tempestivo. È anche un bene per il clima comprare nuovi frigoriferi con la classe di efficienza energetica più alta possibile.

Le possili fonti di proteine vegane

La carne è apprezzata da molte persone non solo per il suo gusto, ma anche perché fornisce proteine. Le proteine sono un nutriente vitale che aiuta ad aumentare e mantenere la massa muscolare. Cosa fare? Dovete scegliere tra il rispetto del clima e l'assunzione ottimale di nutrienti? No! La soluzione al problema sostenuta da molti esperti di nutrizione e ambiente è quella di affidarsi di più alle proteine di origine vegetale! Con loro, si ottiene il nutrimento importante senza sovraccaricare il pianeta.

Le due tabelle seguenti mostrano che le proteine vegane tendono ad avere una minore impronta di carbonio rispetto alle proteine animali. Puoi vedere quanto è grande l'impronta di CO2 di 100 g di proteine per diversi alimenti vegetali e animali. Perché 100 g di proteine? Perché è più o meno equivalente al fabbisogno giornaliero di un uomo attivo di 85 kg (scopri qual è il tuo fabbisogno proteico!). Dal momento che ogni cibo contiene diverse quantità di proteine (2a colonna), il primo passo è stato quello di scoprire quanto di ogni cibo è necessario mangiare per arrivare a 100 g di proteine (3a colonna).[24] Poi questo valore è stato inserito in un calcolatore di CO2. per scoprire quanta CO2 è coinvolta nella produzione del cibo nella quantità corrispondente (colonna di destra).[25]

L'impronta di carbonio delle fonti di proteine animali

Cibo Proteine in g / 100 g di cibo 100 g di proteine: quantità corrispondente di cibo in g CO2 in g / 100 g di proteine

Petto di pollo (senza pelle, crudo)

24,6

406,5

1504

Uovo di gallina (intero, crudo)

11,9

840,3

1714

Proteine del siero di latte in polvere*

75

133

1750

Maiale (Ø, crudo)

21,4

467

1939

Pesce (Ø, crudo)

20,2

495

20,25

Mozzarella

18,7

534,8

2321

Formaggio cagliato magro

10,8

925,9

2333

Proteine di caseina in polvere*

75

133

2500

Pesce (Ø, crudo, congelato)

20,2

495

3114

Latticello

3,2

3125

3625

Formaggio Feta (di pecora o di capra)

17

588,2

3806

Latte

3,3

3030,3

4364

Selvaggina (Ø, crudo)

21,1

473,9

4966

Manzo (Ø, crudo)

21,4

467,3

5743

Yogurt naturale

4

2500

5925

Gamberi (crudi, congelati)

11,4

877,2

11044

L'impronta di carbonio delle fonti proteiche a base vegetale

Cibo Proteine in 100 g di cibo 100 g di proteine: quantità corrispondente di cibo in g CO2 in g / 100 g di proteine

Lenticchia (intera, secca)

24,4

409,8

250

Arachide

26

384,6

258

Fiocchi di avena

13,5

740,7

267

Pasta integrale senza uova (secca)

13,4

746,3

328

Proteine di soia in polvere*

85

118

400

Pane croccante integrale

10,4

961,5

510

Miglio

9,8

1020,4

531

Quinoa (cruda)

12,2

819,7

533

Noce

15,9

628,9

597

Semi di lino

17,9

558,7

648

Cavolini di Bruxelles (crudi)

4

2500

700

Pane di segale

6,2

1612,9

952

Spinaci (crudi)

2,7

3703,7

1074

Pisello verde (crudo)

6

1666,7

1300

Broccoli (crudo)

3

3333,3

1867

Patata (pelata, cruda)

2

5000

2000

Tofu

8,1

1234,6

2049

Fagiolo verde (crudo)

2,1

4761,9

3524

Riso integrale (secco)

7,5

1333,3

4067

Funghi champignon (crudi)

2,9

3448,3

4517

*Stime basate su Nadathur, R. Sudarshan et al.: "Sustainable Protein Sources", Elsevier 2017, p. 29.

Come puoi vedere, a volte puoi ottenere proteine vegetali per pochissimo CO2. Tuttavia, c'è un problema: poiché questi alimenti (preparati) sono relativamente poveri di proteine rispetto ai prodotti animali, bisogna mangiarne grandi o grandissime quantità per arrivare a 100 g di proteine. L'eccezione è il tofu, il cui valore proteico in molti prodotti è addirittura superiore a quello da noi utilizzato.

Un modo per aggirare questo problema sono le proteine in polvere vegane: come mostra l'esempio delle proteine in polvere di soia, esse ti danno proteine per un'impronta di carbonio che è molto più piccola di quella di tutte le fonti di proteine animali. Anche se non abbiamo altri valori, è probabile che le proteine in polvere vegane siano generalmente più rispettose del clima di quelle animali. Anche se il processo di fabbricazione causa CO2 anche per loro, il fatto che le materie prime sono molto più rispettose del clima dovrebbe comunque dare loro un chiaro vantaggio. Le materie prime popolari per la polvere proteica vegana sono i piselli, il riso o i semi di girasole. Sono comuni anche i prodotti fatti con le proteine dei semi di canapa o di lupino. Potete trovare una grande selezione nel negozio nu3:

Chi non è vegano e vuole comunque consumare proteine in modo ragionevolmente rispettoso del clima, è bene che utilizzi il pollo e il maiale, oltre al pesce fresco. Le polveri di siero e caseina forniscono anche un sacco di proteine per quantità moderate di CO2, il che li rende prodotti interessanti per tutti i vegetariani. Altrimenti, dovrebbero ottenere proteine animali principalmente da uova, mozzarella e formaggio cagliato a basso contenuto di grassi.

Riferimenti e note

nu3 Nutrition Experts
${store.shared.alert.message }

Il tuo browser web non è più supportato in modo ottimale. Aggiorna il tuo browser per una maggiore sicurezza, velocità e per una migliore navigazione nel nostro negozio.

Aggiorna il browser