Aggiungi 49,00 € per ottenere la spedizione gratuita
0,00 € Totale parziale
Al carrello

Magnesio in gravidanza

Magnesio in gravidanza

Quale magnesio e quanto magnesio?

In breve:

    ❖ Il magnesio, minerale essenziale, è molto importante anche in gravidanza. Le donne incinte dovrebbero mangiare sufficienti alimenti contenenti magnesio e seguire una dieta varia ed equilibrata. Le cause dello sviluppo della carenza di magnesio in gravidanza riguardano anche l'aumento del fabbisogno nutrizionale.

 

    ❖ Secondo i valori indicati dalla DGE (Società tedesca per la nutrizione), il fabbisogno di magnesio in gravidanza (a seconda dell’età della donna) si aggira tra i 310 e i 350 milligrammi di magnesio al giorno. Scienziati e dottori consigliano di cominciare l’assunzione del supplemento di magnesio il prima possibile e fino alla nascita. Continuarlo poi anche durante l’allattamento durante il quale si mantiene un alto fabbisogno di magnesio.

Di seguito vogliamo chiarire quale ruolo ricopre il magnesio durante la gravidanza, come è possibile che si verifichi una carenza di magnesio in gravidanza e a cosa devi fare attenzione e quali dosi prendere quando assumi gli integratori di magnesio.

A causa del maggiore fabbisogno, il magnesio è di grande importanza anche durante la gravidanza

Come componente importante di cellule e fluidi corporei, il magnesio assume una moltitudine di compiti nell'organismo umano. A causa del maggiore fabbisogno alimentare, il magnesio è di grande importanza anche durante la gravidanza. Il feto infatti ha bisogno di sufficiente magnesio per la crescita ossea normale, immagazzinando negli ultimi tre mesi di gravidanza da 5 a 7,5 milligrammi di magnesio al giorno nelle ossa e nei tessuti del corpo. Inoltre il magnesio è necessario anche per la crescita dell’utero.[1] Per questo motivo è così importante avere un approvvigionamento sufficiente di magnesio in gravidanza.

Carenza di magnesio in gravidanza

Una carenza di magnesio negli adulti può verificarsi in caso di una limitata assunzione di magnesio nell’alimentazione, un maggiore fabbisogno di magnesio oppure a causa dell’eccessiva espulsione di magnesio attraverso i reni.[2] Durante la gravidanza si può verificare una carenza di magnesio a causa del maggiore fabbisogno di magnesio. Di norma, questo non è più un problema nelle donne in gravidanza e può essere compensato da una dieta equilibrata o da un integratore di magnesio raccomandato dal medico. Spesso gli errori nell’alimentazione sono i responsabili dello sviluppo della carenza di magnesio in gravidanza. I primi segni di una carenza di magnesio possono essere un aumento della nausea in gravidanza, lievi crampi nei muscoli dell'utero, tensione muscolare e crampi ai polpacci.[3] Tuttavia, i sintomi da carenza elencati non sono attribuibili in modo chiaro o esclusivo all'ipomagnesemia. Per questa ragione dovresti discutere le cause e i sintomi esatti con la tua ginecologa. Ti informerà se dovrai prendere il magnesio poco prima della gravidanza o all’inizio della gravidanza.

Fabbisogno di magnesio gravidanza

Il fabbisogno di magnesio aumenta con la crescita del bimbo e della placenta. Inoltre, l'escrezione del minerale dovuta a cambiamenti ormonali nelle donne in gravidanza aumenta di circa il 20 percento.[3] Secondo i valori della DGE (Società tedesca per la nutrizione) il fabbisogno di magnesio in gravidanza si aggira tra i 310 e i 350 milligrammi di magnesio al giorno. Per le donne dai 19 anni si consiglia un approvvigionamento di 310 milligrammi di magnesio al giorno. [4] Per le donne incinte invece di età inferiore ai 19 anni si consigliano 350 milligrammi al giorno.[4] Nella maggior parte dei casi il maggiore fabbisogno di magnesio legato alla gravidanza può essere coperto da una dieta varia ed equilibrata. Tuttavia, può essere difficile seguire queste raccomandazioni, specialmente durante la gravidanza a causa delle abitudini alimentari o delle preferenze o delle avversioni ad alcuni alimenti. Inoltre la nausea che può presentarsi può complicare ulteriormente l’assunzione e la digestione abituale del cibo.

Se si desidera migliorare l'assunzione di magnesio o prevenire una carenza di magnesio, è necessario contattare un medico e integrare i supplementi di magnesio solo dopo averlo consultato. In sede di consultazione medica, si può inoltre decidere per quanto tempo debba essere preso il magnesio in gravidanza e quale dosaggio abbia senso.

Integratori e prodotti alimentari naturali con magnesio

Non si può stabilire in generale quanto magnesio si debba assumere in gravidanza. Alcuni scienziati e medici consigliano di cominciare l’integrazione di magnesio il prima possibile, poi fino alla nascita e di continuare anche in seguito.[3] Non è però specificato con precisione fino a quando il magnesio può essere assunto durante la gravidanza e quando si dovrebbe smettere di prenderlo. Nel caso in cui si prendano anche degli integratori di ferro durante la gravidanza, è necessario assumere il magnesio e il ferro con una distanza di due o tre ore, per evitare che si verifichino interazioni.[2]

L'assunzione di magnesio durante la gravidanza deve essere effettuata in consultazione con un medico

In caso di alcune complicazioni della gravidanza o comprovata ipomagnesiemia, il medico curante può prescrivere la somministrazione aggiuntiva di integratori di magnesio. Soprattutto i crampi al polpaccio (notturni) sono attribuiti a una carenza di magnesio in gravidanza e possono già verificarsi nella seconda settimana di gravidanza a causa dell'ipereccitabilità muscolare. Inoltre il magnesio può aiutare contro il parto prematuro.[6][7] Quindi, dal momento che si ritiene che il magnesio abbia un effetto inibitore sulle contrazioni, viene preso per via orale nel caso di un travaglio iniziato troppo presto.

Troppo magnesio in gravidanza può causare degli effetti collaterali indesiderati come ad esempio diarrea, nausea, vertigini, mal di testa e stanchezza.[2][8] In generale comunque un sovradosaggio di magnesio non è possibile in una persona perché il nostro corpo tende a espellere l’eccesso di magnesio attraverso i reni.[9]

Il fabbisogno di magnesio aumenta durante l’allattamento fino a 390 milligrammi di magnesio al giorno. Siccome il neonato viene fornito di tutte le sostanze necessarie attraverso il latte materno, le riserve di magnesio della mamma vengono consumate. A causa del maggiore fabbisogno ha quindi senso continuare l’assunzione di magnesio.[3] La formula per l'infanzia prodotta industrialmente contiene anche tutti i nutrienti di cui il bambino ha bisogno.

Il magnesio è contenuto nelle noci e nella frutta secca

Coprire il fabbisogno giornaliero di magnesio attraverso l’alimentazione non è difficile ed è ancora più efficace per un approvvigionamento sostenibile di questo minerale.

Gli alimenti che contengono il magnesio sono:

Quale sia il migliore integratore di magnesio durante la gravidanza dipende dalle indicazioni del medico. Nel caso di prodotti combinati, è necessario prestare attenzione anche al dosaggio degli altri ingredienti o nutrienti. Le forme di dosaggio più comuni di magnesio includono compresse di magnesio, capsule di magnesio, compresse effervescenti di magnesio e granulati di magnesio. Inoltre si può comprare anche il magnesio in spray, il magnesio in gel, l’olio di magnesio o il magnesio in polvere. In generale, tuttavia, vale quanto segue: prima di assumere magnesio sotto forma di compresse o altro durante la gravidanza, le donne incinte devono sempre consultare un medico.

Chi sta scrivendo?

 

Leona Grenzow ha studiato Scienze della Nutrizione e ha scoperto presto il suo interesse per un’alimentazione salutare e le scienze alimentari. Già in giovane età ispezionava molto attentamente la lista degli ingredienti quando faceva spesa con i suoi genitori. Oggi scrive per nu3 di alimentazione e di salute, per aiutare altre persone a raggiungere una dieta sana ed equilibrata.


Note e documenti:

Leona Grenzow