Servizio & FAQ Search IconSpedizione gratuita a partire da 49,00 € Search IconAssicurati il 15% di sconto
Solo fino a domenica: fino al 25% di sconto!

Iscriviti alla newsletter e non perderti nulla

X
Sconto del -20 %* su TUTTO

Approfitta e risparmia con il codice 20ITNU3

-25% con il codice NU3IT25*

In più: -15% su molti best-sellers

X

Calcolo delle calorie e deficit: perché non perdo peso?

Perché non dimagrisco?

5 possibili motivi per cui non si perde peso

Non riesco a perdere peso, qualunque cosa faccia. Ti suona familiare? Non sei solo. Assumere meno energia di quanta se ne consuma: questo è il consiglio generale per una perdita di peso efficace. In parole povere: muoversi di più, mangiare di meno. Questo ha senso, ma spesso non sembra funzionare. Molte persone mangiano sano, fanno esercizio fisico e non perdono un grammo di peso corporeo. Poi si chiedono giustamente: perché non dimagrisco? Le ragioni per cui le persone non perdono peso sono molteplici. Se uno di questi cinque motivi comuni si applica a te, ora sai cosa fare.

1. Non perdo peso perché mangio cose sbagliate

Per funzionare e mantenere un metabolismo sano, il corpo ha bisogno di nutrienti. Oltre a vitamine e minerali, questi includono alcuni elementi costitutivi delle proteine (aminoacidi), enzimi e acidi grassi essenziali. Se mangi soprattutto alimenti poveri di sostanze nutritive, come i fast food, i cibi pronti o i dolci, il senso di fame si ripresenterà più velocemente. Da un lato, questo è dovuto al fatto che questi alimenti fanno salire e scendere rapidamente il livello di zucchero nel sangue: le voglie sono pre-programmate. Dall’altro lato, il corpo si aspetta dei nutrienti quando si mangia qualcosa. Se non li ottiene, urla per averne altri.

Il fast food non fornisce all'organismo nutrienti importanti

Consiglio nu3: punta su una dieta ricca di nutrienti, con molte verdure, fonti proteiche di alta qualità e grassi sani. E, cosa molto importante, stai lontano dalle bevande zuccherate (bibite, succhi di frutta, ecc.) e dall'alcol.

Porzione abbondante di spaghetti: non perdi peso perché mangiate troppo

2. Mangio troppo

A volte sottovalutiamo le quantità che mettiamo nel piatto. Questo vale anche per gli alimenti considerati sani. Ad esempio, una porzione di porridge da 80 grammi di fiocchi d'avena con latte (d'avena) e banana contiene quasi 500 chilocalorie. Anche gli alimenti apparentemente salutari che si trovano al supermercato possono diventare troppo. Che si tratti di yogurt alla frutta, frullati pronti o barrette di cereali, le bombe di zucchero sono dietro l'angolo. Oppure forse sopravvaluti la quantità di energia che bruci durante l'esercizio fisico? Per bruciare le 500 chilocalorie del porridge mattutino, è necessario intensificare l'allenamento e correre per circa 45 minuti o fare due ore di allenamento con i pesi.

Consiglio nu3: informati sul contenuto di calorie e zuccheri degli alimenti. Mangia molta verdura e una quantità sufficiente di alimenti ricchi di proteine (come carne, latticini, legumi). Le proteine non solo aiutano a mantenere la massa muscolare, il che è estremamente importante quando si è a dieta. Inoltre, si consuma più energia per digerire le proteine rispetto ai carboidrati e ai grassi.[1][2]

3. Non riesco a dimagrire perché mangio troppo spesso

Nonostante il deficit calorico, non perdi peso? Il motivo per cui non si riesce a perdere peso non è necessariamente dovuto solo all'eccessivo apporto energetico, ma è anche di natura ormonale. Un ormone svolge un ruolo particolarmente importante: l'insulina. Non appena l'insulina viene rilasciata, la combustione dei grassi si arresta. E ogni volta che si mangia qualcosa, il pancreas produce insulina. Soprattutto i pasti ricchi di carboidrati raffinati (come riso, pasta, pane) e di zucchero richiedono una grande quantità di insulina per stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

Molti snack ostacolano la perdita di peso

Consiglio nu3: dai al tuo corpo sufficienti opportunità di ricavare energia dal grasso corporeo. Rinuncia agli spuntini continui o prova il digiuno intermittente.

Ridurre lo stress: non dimagrire per il troppo cortisolo

4. Non dimagrisco nonostante il deficit calorico: è colpa dello stress

Un altro ormone che può rovinare la dieta è il cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress. In determinate situazioni e a breve termine, il cortisolo è molto utile e addirittura vitale, in quanto aumenta le prestazioni e la concentrazione. Un livello di cortisolo costantemente alto, invece, ha un effetto negativo: sono possibili conseguenze disturbi del sonno, maggiore suscettibilità alle infezioni o ipertensione arteriosa. E ancora: aumento delle voglie e un elevato livello di zucchero nel sangue. Quest'ultima provoca la secrezione di insulina che, come abbiamo già detto, arresta la combustione dei grassi. Lo stress non riguarda solo la pressione del tempo o le lunghe liste di cose da fare al lavoro. La mancanza di sostanze nutritive, il poco esercizio fisico o l'eccessiva luce artificiale di smartphone e simili sono altri fattori di stress che possono mettere a dura prova il nostro corpo. Ecco perché lo stress è un fattore importante quando si tratta di dimagrire e una ragione comune per cui perdere peso non funziona.

Consiglio nu3: ridurre lo stress è la parola magica. Tuttavia, si tratta di un processo attivo. Purtroppo, Netflix non è la risposta per liberarsi dallo stress. Sono invece d'aiuto esercizio fisico, yoga, passeggiate nei boschi ed esercizi di respirazione.

5. Non perdo peso perché non mangio abbastanza

In che senso non sto perdendo peso perché non mangio abbastanza? Sì, è proprio così! Perché una riduzione calorica estrema permanente (più di 500 kcal di deficit al giorno) provoca un arresto del peso. Il corpo rallenta il metabolismo e il fabbisogno calorico diminuisce, sottoponendolo a un forte stress. Aspetta un attimo... E il digiuno? Il digiuno è diverso. Gli studi hanno dimostrato che il digiuno regolare (ad esempio, 16 ore al giorno o più volte alla settimana per 24 o 36 ore) non ha effetti negativi sul metabolismo.[3] Anche la perdita di massa muscolare, che normalmente si verifica sempre in misura maggiore o minore nelle diete a ridotto contenuto calorico, non è stata osservata in questo caso.[4] La differenza sostanziale tra mangiare poco e non mangiare affatto sta ancora una volta nell'equilibrio ormonale. Niente cibo – niente insulina: durante le fasi di digiuno, invece, il corpo produce più ormoni della crescita, che favoriscono ad esempio il mantenimento dei muscoli.[5]

Nessuna perdita di peso nonostante il deficit calorico

Consiglio nu3: attieniti a un deficit moderato di non più di 500 chilocalorie al giorno e fai pause regolari dal cibo, durante le quali consumi solo acqua, tè non zuccherato o caffè nero.

Perché non dimagrisco? Sei stato in grado di rispondere a questa domanda? Faccelo sapere nel nostro modulo di feedback.👉

Altre informazioni sul tema della perdita di peso:

Chi sta scrivendo?

 

Marina Lange ha studiato nutrizione e scienza dell'alimentazione e, grazie alla sua passione per lo sport e il fitness, presta particolare attenzione ad un'alimentazione sana. È interessata a prodotti innovativi, nuove forme di nutrizione e scoperte attuali, nonché a metodi di allenamento efficaci e tendenze del fitness. Da nu3 scrive sulla nutrizione e il fitness.

Riferimenti:

Marina Lange
${store.shared.alert.message }

Il tuo browser web non è più supportato in modo ottimale. Aggiorna il tuo browser per una maggiore sicurezza, velocità e per una migliore navigazione nel nostro negozio.

Aggiorna il browser