Servizio & FAQ Search IconSpedizione gratuita a partire da 49,00 € Search IconAssicurati il 15% di sconto
Sei nuovo qui? Ricevi il 15%

con il nostro buono sconto di benvenuto

SEI NUOVO?

Ottieni il 20% di sconto* su tutti i prodotti con il codice: SPRING22IT

L'efficienza in cucina

Ridurre lo spreco di cibo: 11 consigli

Cosa si può fare contro lo spreco di cibo?

Chi non l'ha mai sperimentato: trovi delle verdure avariate in fondo al frigo, che ora devi buttare via. Il pane del giorno prima è diventato duro e si può comprare il pane fresco dal panificio accanto. Il riso cotto del giorno prima è ancora sul fornello e metà della lattina di latte di cocco non è stata utilizzata. Alla fine, tutto finisce nella spazzatura.

La sovrapproduzione di cibo e lo spreco di cibo nelle nostre case è uno dei problemi ambientali più importanti del nostro tempo. Secondo la recente indagine Coldiretti/Ixè, diffusa in occasione della prima Giornata internazionale della consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari, nel 2020, il 54% della popolazione italiana (più di 1 italiano su 2) ha diminuito o annullato gli sprechi alimentari adottando diverse strategie: consumo degli avanzi, maggiore attenzione alla data di scadenza, spesa km 0, riduzione delle quantità acquistate, dono in beneficenza dei prodotti alimentari non consumati. Tuttavia, lo spreco alimentare nelle case degli italiani ammonta comunque a circa 36 kg all’anno pro capite e cresce durante l’estate. Il problema resta rilevante perché ogni famiglia italiana getta nella spazzatura cibo per un valore di 4,91 euro la settimana per un totale di 6,5 miliardi. Come consumatori consapevoli, è nostra responsabilità ridurre lo spreco di cibo. Si può facilmente iniziare in casa propria. E in realtà, non è affatto difficile! In questa pagina, ti presentiamo 11 consigli che ti aiuteranno a buttare via meno cibo!

Consiglio n.1: pianifica i tuoi pasti in anticipo. Pensa in anticipo ai piatti che vuoi cucinare nei prossimi giorni e usa una lista della spesa quando vai a fare la spesa. Inoltre, pianifica un giorno alla settimana per gli avanzi, dove mangi tutto ciò che ha urgente bisogno di essere utilizzato. Crea un repertorio di piatti avanzati per questo giorno, che puoi adattare con diversi alimenti.

Info grafica circa la posizione ideale dei prodotti in frigorifero

Consiglio n.2: conservazione adeguata del cibo. Alcuni prodotti devono assolutamente essere conservati in frigorifero, altri assolutamente no. Anche il frigorifero dovrebbe essere ben fornito. All'interno del frigorifero si applicano temperature diverse, ed è per questo che sono previsti scaffali specifici per i diversi alimenti per garantire la più lunga durata di conservazione possibile. Se non sei sicuro di come conservare gli alimenti, usa la nostra tabella come guida o controlla le tabelle di conservazione degli alimenti.

Consiglio n.3: imballaggi alimentari ecologici Una grande varietà di imballaggi è usata per mantenere il cibo fresco. L'alluminio, per esempio, è tutt'altro che ecologico, mentre le ciotole di vetro e i piatti di porcellana non solo sono ecologici, ma anche ideali per conservare il cibo. Tupperware e contenitori di plastica possono non contenere sostanze nocive, ma purtroppo non sono ecologici. In alternativa, puoi usare carta cerata o carta oleata. Questo permette il passaggio degli odori, ma impedisce la formazione di muffe.

Consiglio n.4: il primo a entrare, il primo a uscire. Tieni d'occhio la data di scadenza e la durata di conservazione del cibo e consuma i prodotti che scadono prima. Per fare questo, è utile ordinare il tuo frigorifero secondo la durata di conservazione degli alimenti: cibo vecchio davanti, cibo appena comprato e più duraturo dietro. In questo modo non si dimentica il cibo più vecchio e si evitano sorprese di muffa.

Consiglio n.5: usa i tuoi sensi. Quanto dura il tempo di conservazione del cibo dopo la scadenza? La data di scadenza indica un periodo minimo fino al quale i produttori possono garantire che il prodotto è ancora commestibile. Serve quindi come guida e non come data di scadenza. La maggior parte degli alimenti può essere consumata diversi giorni o mesi dopo la data di scadenza senza problemi. Usa solo i tuoi sensi e se tutto ha ancora un buon sapore, odore e estetica, non ci sono problemi e il prodotto può ancora essere mangiato.

Tuttavia, se sul prodotto c'è scritto "da usare entro", anche questo va osservato. Questa data è l'unica che deve essere effettivamente osservata.

 

Per quanto tempo si può superare la data di scadenza?

Quali alimenti scaduti possono ancora essere mangiati? Abbiamo preso spunto dalla Verbraucher:innen-Zentrale Hamburg e abbiamo elencato i prodotti alimentari più importanti insieme alla loro durata di conservazione in una tabella. Con l'aiuto della tabella, si può controllare quanto tempo dureranno gli alimenti dopo la data di scadenza e quali alimenti scaduti si possono ancora mangiare:

Cibo Sicuri dopo scadenza? Cosa fare?

Pane / Panini

Sì, diversi giorni

Smaltire il pane ammuffito

Uova

Sì, ancora circa 2 settimane

Prova del bicchiere d'acqua: metti un uovo in un bicchiere d'acqua. Le uova fresche rimangono sul fondo. Se galleggia in cima, deve essere scartato.

Aceto / olio

Sì, diversi mesi

Se torbido, non usare più

Pesce

No, osservare la data di scadenza

-

Carne

No, osservare la data di scadenza

-

Formaggio

Sì, da alcuni giorni a settimane (formaggio morbido) o mesi (formaggio duro)

La muffa può essere generosamente tagliata via dal formaggio duro, il formaggio morbido è meglio smaltito

Cibi in scatola

Sì, non aperto diversi anni

Smaltire le lattine molto ammaccate, che perdono o sono arrugginite

Farina, lievito in polvere & co.

Sì, da diverse settimane a mesi

In caso di infestazione di parassiti, smaltire immediatamente

Latte

Sì, ancora qualche giorno. Mentre latte a lunga conservazione qualche settimana

Smaltire il latte acido. Attenzione: il latte a lunga conservazione si deteriora senza diventare acido

Prodotti caseari come yogurt, quark o panna acida

Sì, non aperto da giorni a mesi

Smaltire la muffa

Muesli, cereali, noci

Sì, da diversi giorni a mesi

Scartare se appaiono muffe o macchie nere

Riso e tagliatelle

Sì, molti altri anni

-

Piatti congelati

Sì, ancora diversi mesi o anni

-

Salsiccia e prosciutto

Sì, qualche giorno

Se esistono dei mutamenti, allora eliminateli

Consiglio n.6: congelare il cibo invece di buttarlo via. Gli avanzi di cibo possono essere congelati meravigliosamente. Tuttavia, bisogna fare attenzione perché ci sono alcuni alimenti che non sono adatti al congelamento. Cibi come blocco di formaggio, budini, uova sode, lattuga, pomodori e patate non devono essere congelati. Inoltre, gli alimenti che entrano in contatto con l'ossigeno o sono esposti a grandi fluttuazioni di temperatura possono sviluppare un'ustione da congelamento. Le indicazioni di questo sono macchie rosso-marroni o bianche, disidratazione e cristalli di ghiaccio sulla superficie. La bruciatura da congelamento può verificarsi in quasi tutti gli alimenti congelati e di solito non è dannosa per la salute. Verdure, riso e noodles sono sicuri da mangiare nonostante la bruciatura da freezer e di solito hanno un sapore inalterato. È diverso con la carne e il pesce. Qui bisogna fare attenzione, perché possono contenere un aumento dei batteri.

Consiglio n.7: condividere è prendersi cura. Nessuno vuole mangiare lo stesso piatto per 4 giorni di seguito. Usa gli avanzi di cibo per conoscere i tuoi vicini o dare agli amici un pasto cucinato prima che venga dimenticato in fondo al frigo. Chi non ama ricevere del cibo? E forse saranno felici e verranno a casa tua con un pasto delizioso!

Prodotti regionali e stagionali

 

Consiglio n.8: compra prodotti regionali e stagionali. Cerca di comprare frutta e verdura di stagione e regionale. Da un lato, è ecologico, dall'altro, c'è spesso un eccesso di offerta di verdura e frutta di stagione, che nel peggiore dei casi finisce nell'impianto di biogas.

Dai una possibilità alle verdure storte e non cercare solo verdure perfette. Se hai intenzione di consumare le verdure lo stesso giorno, scegli alimenti con ammaccature che puoi facilmente rimuovere in seguito.

Consiglio n.9: evitare lo spreco di cibo e riciclare tutto. Troppo spesso, parti di cibo che possono ancora essere utilizzate finiscono nella spazzatura. I gambi dei broccoli e dei cavolfiori possono essere mangiati così come le cimette e hanno solo bisogno di una cottura più lunga.

I ciuffi verdi di carote, bietole e finocchi non sono rifiuti alimentari e sono eccellenti per condire quando si cucina. Puoi aggiungere la scorza di limoni e arance alla tua borraccia d'acqua per una nota di agrumi e la buccia delle verdure può essere bollita per fare un brodo vegetale.

Consiglio n.10: riciclare il pane raffermo. Il pane duro finisce spesso nella spazzatura. Tuttavia, si possono fare alcune grandi ricette con il pane raffermo. Il pane o i panini che non sono stati mangiati possono essere trasformati in pangrattato con una grattugia o cotti in forno per fare delle chips di pane. Il pane bianco secco e duro può essere tagliato a piccoli cubetti e trasformato in crostini. I canederli di pane sono una buona opzione se si vuole usare una quantità maggiore di pane o di panini.

Consiglio n.11: risparmiare cibo con un'app. Con il tuo smartphone, puoi facilmente aiutare a salvare il cibo dalla spazzatura. Sono state sviluppate varie app per localizzare ristoranti e supermercati che hanno avanzi di cibo a fine giornata. Con l'app Too Good To Go, puoi comprare pietanze o alimenti avanzati ad un prezzo ridotto poco prima della chiusura.

Mentre le generazioni X e Y causano la maggior parte dei rifiuti alimentari, le persone anziane che hanno vissuto la seconda guerra mondiale buttano via relativamente poco. Tuttavia, ogni individuo può agire e ridurre lo spreco di cibo e di risorse nelle case private senza molto sforzo. Gli undici consigli dovrebbero aiutarti a ottenere molto con poco sforzo.

Chi sta scrivendo?

 

Lisa Kirchner ha studiato media e comunicazione a Passau e, parallelamente ai suoi studi, ha lavorato come redattrice per la rivista online BLANK. Ha scoperto il suo grande interesse per la cucina di ricette insolite e la sua passione per uno stile di vita sostenibile mentre era ancora a scuola. In nu3, scrive principalmente testi sul tema della sostenibilità aziendale e della protezione del clima.

Lisa Kirchner
${store.shared.alert.message }

Il tuo browser web non è più supportato in modo ottimale. Aggiorna il tuo browser per una maggiore sicurezza, velocità e per una migliore navigazione nel nostro negozio.

Aggiorna il browser